Blog: http://MarioPesceafore.ilcannocchiale.it

Mario pesce a fore vs Luca Rossi

Mario Pesce a fore vs Luca Rossi: Citazione o reazione? 

Mario pesce a fore - Mimmo Di Caterino 
La poetica estetica della ricerca come azione 



Luca Rossi 
La poetica dell'immobile e rassicurante citazione fatta passare per rivoluzione 


Ovviamente nel giro di qualche ora Artribune ha omesso le mie considerazioni, questa è già una differenza sostanziale e contenutistica nei confronti di tale Luca Rossi, comunque sia conservo a futura memoria le mie considerazioni sull'argomento nel mio blog..... 
Tanto per dire la mia, mi e ci fa piacere essere ricordati quando si è davanti a truffe di propaganda artistica finalizzate alla promozione di un sistema che non frequento da tempo, quello che Pesce a fore promuoveva e che continuo a sostenere oggi è che serve un altro sistema dell’arte dove gli artisti al di fuori di certe logiche mercantili e clientelari sappiano sostenere e promuovere in autonomia mediatica il loro lavoro e la loro ricerca, sempre che siano professionisti ed amatori amanti dell’arte seri, Politi, Bonito Oliva, quel testicolo centrale di Tonelli, Sgarbi, Artribune, Flash Art, Exib Art, Equilibrarte e tante ipocrisie del sistema dell’arte che piuttosto che lavorare per aprire strade nuove conservano le vecchie edificando nei media integrati o performing media li considero semplicemente dei cavalli di troia per diffondere e divulgare nuove sensibilità e nuove coscienze del fare arte e ricerca artistica, recuperando il ruolo ed il legame simbolico tra l’artista e la propria comunità senza filtro alcuno. 
Chiedo quindi una cortesia, non accostatemi/accostateci a cialtroni in cerca di visibilità incapaci d’andare oltre il gossip ed il pettegolezzo (non sanno neanche cosa sia l’ironia o lo sberleffo), questo Luca Rossi è funzionale a tutto ciò che finge di attaccare e con lui non ho niente in comune, Lavagetto è Lo Coco sono artisti che sento affini e vicini, questo Rossi sembra un mio clone creato a tavolino per alimentare polemiche e critiche su argomenti che giustamente oggi non interessano più nessuno e che non affronto più, tengono in vita un sistema già morto che è giusto che naufraghi da solo, per concludere, dove sono le sue diffide e querele visto che si da arie da personaggio scomodo e disfunzionale? Un bluff, uno che prova piacere anale con l’orifizio che hanno sfondato agli altri, una storia che non vale la pena di scrivere e che scritta su Artribune attesta la pochezza di questa testata che non a caso è gestita dalle stesse persone che mi hanno diffidato ed allontanato da Exibart nel 2004, carta igienica vera anche se digitale, con la quale non ci si può neanche pulire il sedere, ma va bene in fondo per quello c’è toilet paper di un altro noto bombarolo della storia italica dell’arte supina, ma per piacere, per piacere… 


Luca Rossi 

Ma certo che sono funzionale al sistema! Io credo che un sistema sia utile esattamente come è utile in OGNI ambito. I sistemi non finiscono ma cambiano. Hannah Arendt diceva che ogni rivoluzione finisce il giorno dopo perché è diventata già un nuovo ordine, un nuovo sistema (con pro e contro). Quindi certo che sono funzionale al sistema: l'arte è un laboratorio preziosissimo dove sperimentare. Quello che manca in italia (forse meno nel mondo) è un confronto critico dentro questo laboratorio. Questo spazio è preziosissimo (più della politica) perché permette di aumentare il grado di coscienza e consapevolezza verso tutto quello che ci circonda: quindi il sistema è importante perché serve a mantenere questo spazio. 

Mario Pesce A Fore 

Sapevo di avere a che fare con un limitato ma tu nelle tue posizioni rasenti l'impedito e mi sembri astratto e distratto dalle problematiche reali ed interamente calato in quelle di un sistema autoreferenziale e privatizzato che le problematiche reali le distrugge e sulle quali sciala e sciacalla. I sistemi cambiano mi scrivi citando e questo già ti squalifica e ti rende accademico della peggiore specie, quella che arriva sempre in ritardo davanti al cambiamento e si accoda al fallimento; l'arte è un laboratorio questo è vero, ma è un laboratorio reale solo quando ci sono gli artisti senza filtro a tramandarsi e scambiarsi ricerche e cognizioni, quando questo laboratorio è gestito da altri e da altre logiche è un laboratorio impedito proprio come te, a differenza tua, mio caro clone geneticamente modificato male io penso che lo spazio dell'arte possa espandersi in ogni condizione e situazione e che non vada mai imposta ma dedotta e calibrata su esigenze e problematiche del proprio tempo, l'arte fuori dal tempo mi sembra una gran cazzata, così come mi sembra una gran cazzata cercare il confronto critico all'interno di una sistema già deceduto e tenuto in vita artificialmente per tenere in vita logiche d'investimento private e strutture nepotiche dinastiche, sei un decadente decaduto prima di alzarti in piedi, provo pietà per te e per le tue idee, mi sembri uno studente di una facoltosa scuola privata che contesta i suoi docenti sotto pagati e costretti a promuoverlo per non essere sgridati dalla direzione e dai suoi introiti privati che sciacallano sul pubblico, uno studente Cepu dell'arte che l'arte non sa neanche dove stia di casa e che l'ha studiata in maniera astratta su Flash Art international e sui gossip ed i sondaggi di qualche qualunquista portale internet, sei funzionale al sistema è vero, per questo motivo collasserai con lui che è già collassato da sempre, buona sorte a te ed il tuo spazio limitato che ti impedisce di evadere dalla forma per attingere alla vita, così tanto per citare un poco anche io come fai tu.... 


Luca Rossi 

il mezzo è il messaggio. Tutto questo testo rancoroso di Mario non serve a nulla. Artisti come Ryan Gadner o Tino Sehgal propongono opere e linguaggio che lavorano ad ogni livello: e sono anche una profonda critica del sistema. Questa fissazione anti sistema quando ormai tutti facciamo parte di un sistema e quando vogliamo possiamo creare un nostro sistema. Quindi sono tutte parole al vento. 

Mario Pesce A Fore 

Il problema caro Luca Rossi è proprio nelle paraculaggine che si cela dietro la tua operazione, tutti fanno parte di un sistema e per tutti c'è la possibilità di fare rete e di fare anche altro sistema, da questo punto di vista la crisi costituisce una opportunità, la possibilità per artisti di lavorare in rete, autorappresentarsi nei loro spazi privati autopromuovendosi costituendo in questa maniera un pubblico altro dell'arte, tu ignori tutto questo e preferisci vendere e promuovere bluff funzionali solo alla tua strategia comunicativa legittimata da un sistema al collasso, questo ti rende aria fritta e fuori dal tempo, sei la mia avanguardia diventata accademia, io lavoro per rendere ancora e sempre movimentista la mia accademia che è ancora avanguardia, anche se a te piace saccheggiarla e svenderla in nome dell'autolegittimazione, devo dire che mi hai studiato bene, ma non così bene da comprendere i contenuti di ciò che ho fatto e ciò che farò.... 

...e smettila di citare, adesso McLuhan, smettila di darti questo cazzo di tono saccente, qui si gioca ad armi pari e non hai nessuno da infinocchiare che non sia tu stesso.... 

Luca Rossi 

l'arte è uno spazio di consapevolezza, tutto parte dal linguaggio. 

Mario Pesce A Fore 

Adesso mi citi Chomsky, tutto parte dal linguaggio, ma un linguaggio esiste quando si rimanda e quando lo si condivide, quando circola lo si legittima e tramanda, tu lo paralizzi iberni e lavori per renderlo proprietà privata immatricolata, lasciamelo dire che di linguaggio e ricerca sul linguaggio oltre a citare qualche frasetta da manuale ogni tanto non ne capisci proprio un cazzo.... 


Luca Rossi 

Non sono d'accordo con te. Ti invito a seguire i progetti del blog. 


Mario Pesce A Fore 

Niente di nuovo, tutto ridicolo e mirato, i tuoi obiettivi sono lontanissimi dai miei e le tue ambizioni fanno ridere i pollastri afghani, trito, ritrito, già visto e vissuto, tutto ti consacrerà, conosco il meccanismo, affrontato e purtroppo non modificato pur non avendone accettato le logiche, tu le logiche le hai sposate e promosse, sei un successo annunciato il che per me corrisponde ad un decesso sul cesso di successo, sei un ready made duchampiano, un water rivoltato che si propone come una fontana, così e solo così eviti una sana e terapeutica pisciata addosso.... 


Luca Rossi 

Ma che cavolo dici? Vendere? E poi cosa ci sarebbe di male? Il punto è l'argomentazione sull'opera. Ma io gestisco solo un blog da tre anni e gratuitamente. Paraculaggine? Parli a vanvera. Fidati. Segui il blog, nei progetti. 


Mario Pesce A Fore 

Fidati tu, i tuoi sono progetti con obiettivi dichiarati e strategie mirate, in altre parole finalizzati a piazzare un prodotto, i miei erano e sono processi, movimenti non ben codificati e non pilotati ed interessati, penso che tu debba seguire un poco il mio blog ed il mio canale su you tube, può aiutarti a crescere ed evitare di prendere in giro il prossimo, anche se in fondo in fondo chi ti si incula addetti ai lavori da parte? 







Luca Rossi 

Non sono d'accordo con te. Ti invito a seguire i progetti del blog. 


Mario Pesce A Fore 

Niente di nuovo, tutto ridicolo e mirato, i tuoi obiettivi sono lontanissimi dai miei e le tue ambizioni fanno ridere i pollastri afghani, trito, ritrito, già visto e vissuto, tutto ti consacrerà, conosco il meccanismo. 



Luca Rossi 

Guarda che ho tutti contro, perché non sono asservito a nessuno. Dialogo solo con chi è aperto al dialogo, ma molte volte è critico verso la mia azione. Tu hai paura che io sia il Cattelan della situazione ma ti sbagli, lo hai negli occhi. Ti invito a questo pezzo: http://www.whlr.blogspot.it/2012/05/nr-kassel-2012.html 

whitehouse: 1987-2012: being Maurizio Cattelan? 
whlr.blogspot.com 



Luca Rossi 

E poi ti invito come artista a questo: http://www.kremlino.blogspot.it/ 

kremlino 
kremlino.blogspot.com 



Mario Pesce A Fore 

Non mi interessa, al limite ti invito io come artista ad esporre nella mia macchinetta, perché se non si fosse capito di un rapporto dialettico che equivale a giocare a tre sette col morto che parla non mi interessa molto.... 


Mario Pesce A Fore 

http://www.facebook.com/events/124624531010327/ 







Mario Pesce A Fore ?. 

..l'operazione Maurizio Cattelan non è molto originale, ti presento Stay On Fango, tu non li conosci ovviamente perché difficilmente li troverai a Documenta, sai come è? In-coscienza di classe impossibilitata al transito  


Luca Rossi 

Farsi conoscere fa parte del lavoro. Se uno sta solo nella foresta a fare arte io non so cosa dire. ma approfondirò stay on fango 


Luca Rossi 

ahahahaha ho trovato questo: http://www.youtube.com/watch?v=SkzAqeHP4K4 

Stay on fango vs Maurizio Cattelan. 
www.youtube.com 
Il 21 Gennaio 2011 all'Exmà di Cagliari il duo di artisti Ardau-Di Caterino pres... 





Luca Rossi Ma non vi accorgete che in questo modo esaltate e contribuite solo al lavoro di Maurizio Cattelan. Ma questo fa godere Cattelan, ed è prova del valore del suo lavoro.  


Mario Pesce A Fore 

Il linguaggio è contestuale e li non siamo a Documenta e neanche alla Biennale di Venezia 


Luca Rossi 

quindi? ahahahah siete voi che create categorie. E contribuite al successo del sistema che volete combattere. Eì sempre molto interessante questo fenomeno. E' anche perfetto per leggere il rapporto fra sinistra e berlusconi in questi ultimi 20 anni.... 


Mario Pesce A Fore 

Sistema, sistema, sistema, Minimi, De Carlo, Cattelan, Biennale di Venezia, Documenta, Kassel, ma per piacere, con dei fenomeni io convivo, normalmente vivendo, tu li insegui, foraggi ed incrementi, il frustato ambizioso sei tu, provo per te quasi tenerezza... 


Mario Pesce A Fore 

?...prepari un progetto espositivo per la nostra macchinetta? Mettiti un poco in gioco e schioda il culo da questo sistema che tanto insegui, tanto ti ha già accettato e celebrato ed io non sarei tanto contento di tanta collaborazione nella diffusione di mediocrità diffusa.... 


Luca Rossi 

se lo dici tu...io penso che tu veda quello che hai negli occhi. 


Mario Pesce A Fore 
?....l'arte è una faccenda di punti di vista, tu che citi tanto dovresti anche intendere a chi mi riferisco  


Luca Rossi 

il progetto per la tua macchinetta è questo: macchina vuota con finestrini abbassati, e io prego perché succeda qualcosa di significativo. Voi documentate tutto. 


Mario Pesce A Fore ? 

...che cagata, la mia macchina è reale, vive una vita reale e poi chi è disposto ad ospitarti? Tu così ti relazioni ad altri artisti e a delle comunità in crisi come quella sarda? ma dove vivi? A proposito di preghiere, ti presento un lavoro concepito per mia moglie quando eravamo amanti.... 


Mario Pesce A Fore 

http://youtu.be/Z0BfIQmOnAc 

i fedeli di santa barbara 
www.youtube.com 
napoli, 30/12/2007 




Mario Pesce A Fore 

Anno 2007, cavolo mi hai studiato benissimo, nulla da dire, ma ti manca qualcosa per superare il prof. sembri uno studente figlio di papà che ripete la lezione a memoria... 







Luca Rossi 

Io penso che tu voglia essere Maurizio Cattelan e sei pieno di rancore e invidia. Che prodotto dovrei piazzare???? E se anche fosse, non copriamo tutti prodotti? Si tratta di comprare prodotti di qualità ad un prezzo in linea con il valore. 


Mario Pesce A Fore 

Proprio questa è la differenza tra me e te, che tu non discuti il sistema di attribuzione del valore, io forse non te ne sei accorto, un poco si.... 


Luca Rossi 

ho fatto un dialogo con massimo minini sul valore e prezzo delle opere, dove discutevo eccome l'attribuzione del valore. Basta avere consapevolezza. Ma l'opera d'arte è solo un esempio da laboratorio, il punto è parlare di valore rispetto qualsiasi progetto anche extra artistico. 


Luca Rossi 

munari diceva saper vedere per saper progettare. Secondo me tu non sai vedere, per esempio .) 


Mario Pesce A Fore 

?...certo, se hai ragionato con Massimo Minimi con consapevolezza certamente non ti ha neanche sfiorato il conflitto d'interesse, hai mai sentito parlare di punti di vista? Mi ricordi un sindacalista quando contratta con il governo sulla pelle dei lavoratori, toga come idea di laboratorio, un illuminato  


Luca Rossi 

conflitto di interesse??? sono solo un blogger....vedi cattelan d'appertutto...dai basta. Voglio vedere fatti non tutte queste chiacchere rancorose. 


Mario Pesce A Fore 

?...vuoi vedere fatti? Ma chi sei Silvio Berlusconi? Uno spot pubblicitario? Fatti e non parole, ma per piacere, vuoi fare la persona seria? 


Mario Pesce A Fore Secondo me tu non sei un serio ricercatore di processi artistici per esempio e non lavori per allargare le logiche di sistema bensì per restringerle, mmmm, devo citarti qualcuno anche io per esprimere un concetto? 





Luca Rossi 

Dal mio progetto al comunità in crisi può capire che non serve nulla che non abbiano già per uscire dalla crisi. Ma mi sembra di fare lo shampoo agli asini, prof. 





Mario Pesce A Fore 

Anche io penso che i tuoi progetti non servano ad un cazzo per realtà territoriali in crisi dove serve la ricerca e l'essenza piuttosto che le seghe sul linguaggio.... 



Vincenzo del Laboratorio Saccardi 

il progetto Luca Rossi è davvero una cosa interessante e viva, è tra le cose più intelligenti che ho sentito negli ultimi anni, sta lavorando bene, non è snob e coniuga diverse realtà, io ne sono testimone, con un progetto comune, vivere di ideali comunistoidi chiudersi in gabbie autoreferenziali e solipsistiche, solo per non creare sistemi e non entrare in altri sistemi, mi pare una cazzata, Mimmo Di Caterino Bis ma davvero ritieni di non essere parte di nessun sistema? Siamo all'Utopia, alle pippe mentali, certo dimenticavo, tanto tu a fine mese scippi uno stipendio da prof. allo stato e chissà chi è che ti ha raccomandato, non vuoi fare parte di nessun sistema? Non andare a scuola domani mattina, dimettiti da dipendente statale o smettila di dire cazzate e fare il moralista. 


Mario Pesce A Fore 

Vincenzo io sono un docente pubblico al servizio del pubblico, esiste una idea del pubblico ed una del privato nel tuo/vostro mondo o la ritieni una ipocrisia? Pensi che i tagli alla pubblica istruzione da cosa siano dettati ed a cosa siano dovuti? Hai presente che il debito nei confronti dei privati e dei mercati in italia lo pagano solo i pubblici dipendenti con i loro stipendi da fame e dei quali sono impossibilitati a lamentarsi per posizioni come la tua o sono io un visionario? 


Quando parlo di altro sistema parlo di tutela del pubblico e lavoro per distinguerlo dal privato, i sistemi vanno preservati, io da dipendente pubblico al servizio del bene comune e del diritto alla studio tutelo il mio o pensi che la cultura sia qualcosa da non diffondere e limitare disposta a farsi conoscere solo da chi se la può permettere? 



Vincenzo del Laboratorio Saccardi 

ma quale cultura? La tua? Di uno stato come il nostro che racconta una storia finta, ma che stronzate dici ? Ma quale stato, paghi un debito che gente come te ha voluto, è giusto che ti succhino il sangue, la vostra sinistra by Cia...ma andate a fanculo, chi cazzo formi tu me lo vuoi dire? Perdenti e disoccupati, ma vuoi essere coerente con te stesso cazzo? o dobbiamo essere tutti dei pagliacci in questo paese? Dimettiti da Prof! Se sei così duro e puro. 


Mario Pesce A Fore 

Vincenzo posso dirti che posizioni come la tua mi spaventano? Il bene pubblico cosa è di destra o di sinistra? Il responsabile del debito pubblico è la classe politica o i docenti? I tuoi problemi e gli spazi che chiudono in Italia sono figli del debito pubblico che io sono costretto a pagare dato che non posso evadere le tasse così come ogni pensionato o lavoratore dello stato o è colpa degli evasori e di chi lo stato in quanto bene pubblico e non bene identitario l'offende? Secondo te per cosa dovrebbe passare una idea pubblica della ricerca artistica? Hanno già chiuso tutte le strutture museali, hanno dimezzato il personale delle scuole d'arte applicate, nessuno ha battuto ciglio, secondo te io dovrei dimettermi? Ma da cosa? La scuola è diventata una specie di servizio sociale ed un docente è un individuo in una postazione di trincea dove deve vivere il malessere sociale e culturale derivante dal tutto, forse formo perdenti e disoccupati ma ritieni che questa sia colpa mia? Il modello vincente italiota è quello berlusconiano, liberale e liberista quanto il tuo all'interno del sistema dell'arte, il trota è stato un vincente fino a poco fa ed il padre parlava di docenti che rubavano i soldi allo stato, tre volte ripetente e mai laureato, immagino che anche tu abbia fatto la scuola pubblica, ragion per cui da duro e puro affondo con e nel mio posto di lavoro, col quale mi sono costruito una vita quasi serena ed una famiglia, in autonomia e credendo che lo studio e la ricerca paghino sempre, ho sbagliato? Può darsi, sono mediterraneo, colonizzato, invaso e forse invasato, ma nei valori ci credo, nell'arte come nella vita, come dice Luca Rossi, l'arte è un laboratorio di vita, lo credo anche io e tale postulato l'applico da sempre, ma esattamente qual è la questione? Secondo te è il dipendente pubblico a contatto con il pubblico a fottere lo stato ed a farci rischiare il default? Così giusto per capire..... 



Luca Rossi ? 

@Mario: rancore e frustrazione non ti fanno vedere. Fidati. 




Mario Pesce A Fore 

Va bene mi fido, avete ragione voi, da domani lavoro per arrivare a Documenta così posso dismettere il ruolo dello sfigato docente pubblico... 





Luca Rossi ? 

@Mario: il punto non è arrivare a documenta ma dialogare serenamente e liberamente (anche in modo indipendente) con Documenta o il sistema in generale. Io temo invece che ci sia una grande vuoto, una grande assenza di contenuti. 





Mario Pesce A Fore 

Va bene Luca, io penso che l'assenza dei contenuti derivi da una serie di cose che non ho più voglia di argomentare da anni, penso che questo sistema dell'arte esclusivamente PRIVATIZZATO uccida la ricerca artistica ed illuda gli artisti forte di un paio di sdoganamenti DOC, ti auguro di esserne uno, volevo solo rimarcare le differenze tra la tua idea dell'arte fondata su una condizione di fatto ed una mia idea dell'arte fondata su di una utopia dettata dal buon senso secondo me fattuale e fattibile, chi ha ragione tra noi sarà il tempo e la storia (non dell'arte, quella dell'arte è un riflesso di ciò che accade), ti reputo un conservatore, forse io lo sono più di te, ma bazzico altri lidi, volevo questo confronto solo perché per puro caso sono impattato in qualche commento sul web che ci accomunava, ma si tratta di una comunanza solo linguistica.... 


Mario Pesce A Fore ? 

...detto questo adesso la pianto, auguro tutte le fortune del mondo a te ed a Vincenzo Del Suddetto Lab II che già tempo fa avevo invitato ad esporre in automobile, ovviamente la cosa non gli interessava, come non penso possa interessare a te visti i presupposti linguistici, ovviamente interrompo la comunicazione su questo social network perché in fondo in fondo anche se dall'animo comunista sono un liberale e quando una cosa non mi piace cambio canale, il sistema dell'arte è chi dialoga con lui per come è strutturato e finalizzato ai massimi livelli è qualcosa che appiattisce i contenuti, parla un linguaggio specialistico che allontana dalla realtà e ruota in maniera autoreferenziale su se stesso al servizio di qualcosa o qualcuno impalpabile, tutto questo non mi è mai piaciuto, detto questo ti auguro tutto il successo che ti spetta per il merito di bazzicare, frequentare e dialogare con certe cose e torno al mio lavoro di docente pubblico, qualora vogliate fare qualcosa per la mia macchina come persone fisiche la porta è sempre aperta ma siamo diversi, molto diversi ed i distinguo sono importanti, almeno per me, buon lavoro è stato un piacere incontrarvi ma è un piacere ben più grosso allontanarvi, alla prossima, tanto ci rincontreremo, il sistema dell'arte è così piccolo che anche vivendo in un isola che italiana sul serio non è mai stata sembra non volermi lasciare in pace, ma forse è giusto così, a ciascuno il suo passato......, cià 

Pubblicato il 22/6/2012 alle 20.19 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web